Testo ‘Il bisogno di te’ di Daniele Silvestri | Sanremo 2013

Testo, Il bisogno di te, Daniele Silvestri, Sanremo 2013‘Il bisogno di te’ è una canzone sulla dipendenza amorosa, decisamente più vicina allo stile ironico e danzante di uno dei suoi più grandi successi, che presentò proprio a Sanremo, ovvero ‘Salirò’.

Testo ‘Il bisogno di te’ di Daniele Silvestri

Sa sa prova 2,3, sa prova prova sa sa
 prova,2,3, prova…
Ho provato per te
un dolore che ormai
 ho capito cos’è
 perché ancora di più quando tu te ne
 vai
 è il bisogno di te
 quello che non vorrei
 e tu potrai non crederci
 ma io scommetterei

Che hai bisogno di me
 anche se non lo sai
 hai bisogno di me pure tu
 e presto capirai
 che il bisogno che c’è
 non si placherà mai
 allora adesso giurami
 che non mi lascerai
 non ti lascio solo, non ti lascio solo,
 non ti lascio solo, non ti lascio solo…

Io divido con te
 ogni singola idea
 quando chiami io corro da te
 che nemmeno Mennea
 Posso fare di te
 la mia sola mania
 allora adesso giurami
 di non andare via
 
non ti lascio solo, non ti lascio solo,
 non ti lascio solo, non ti lascio solo…

Allego fermo immagine
 di un’era lontanissima
 noi due vicini e liberi
 padroni su quell’isola
 capaci di ogni iperbole
 l’amore, poi la musica
 e gli amici a quella tavola
 la foto tu conservala se vuoi
 io tanto ho un’altra copia sai
 anzi, parecchie copie sai

perché non si sa mai

così, guardandola, immagino
 che non mi tradirai

ma non lo vedi che (tutto intorno a te)
 può capitare che (tutto intorno a te)
 ti gira male e (tutto intorno a te)
 non c’è nessuno che (tutto intorno a te)
 ti può proteggere (tutto intorno a te)
 ti può difendere (tutto intorno a te )
 ti sa comprendere (tutto intorno a te)
 non c’è nessuno che possa tranne me

perchè io no (no, no)non ti lascio
 solo, non ti lascio solo non ti lascio
 solo no
 (no, no) non ti lascio solo, non ti
 lascio solo non ti lascio solo no
 non è pensabile
 non è un’ipotesi percorribile
 fare da solo non è plausibile
 ci sono troppe, troppe trappole
 devi conoscere troppe regole
 ti devi dare una vita stabile
 per evitare l’imprevedibile
 ci vuole pure qualcuno vigile
 per cui io no
 perché io no (no, no) non ti lascio
 solo, non ti lascio solo non ti lascio
 solo no
 (no, no) non ti lascio solo, non ti
 lascio solo, non ti lascio solo no
 sa sa prova 2,3, sa prova prova sa sa
 prova,2,3, prova…

In attesa del video ascolta Salirò di Daniele Silvestri
 
Video ‘Il bisogno di te’

Testo ‘È colpa mia’ di Maria Nazionale | Sanremo 2013

Testo, È colpa mia,  Maria Nazionale, Sanremo 2013‘È colpa mia’, è un brano più lento e malinconico in cui la cantante ammette le proprie responsabilità di fronte a un sentimento spezzato. È infatti cantato interamente in dialetto.

Testo ‘È colpa mia’ di Maria Nazionale

Si te vene nu dubbio, se po’ tu t’arraggie, non ti senti sicura
 E accummencia ‘a paura, si certa ‘e sapè che è stata accussì
 E’ colpa mia, è colpa mia, è colpa mia… è colpa mia
 E mi metti alla prova pe’ vede’ si te penzo e te voglio cchiù bene
 E da ieri sera stai facenno domande po’ sapè si te stanche
 Ancora insieme, ancora, ancora insieme… ammore mio
 E mo chell’ che è stat’ è sta’

E mo nun me fa cchiù stu terzo grado
‘O tiempo corre annanz a mme
 Nun resta tiempo pe’ sapè
 Sì è colpa mia
 Se ti vengo a bussare, dal cortile a chiamare e quaccuno s’affaccia
 Nun risponne e mi caccie, sei sicura che è stato un amore sbagliato
 E’ colpa mia, è colpa mia, è colpa mia… è colpa mia
‘E cagnato ‘o vestito ede il gesto ha tradito quella tua frenesia
 Di cambiare la via e te stongo aspettanno pe sapè si te stanche
 Ancora insieme, ancora, ancora insieme… ammore mio
 E mo chell’ che è stat’ è sta’
E mo nun fa vedè ca pienz a nato
‘O tiempo corre annanz a mme
 Nun resta tiempo pe’ sapè
 Sì è colpa mia
‘O tiempo corre annanz a mme
 Nun resta tiempo pe’ sapè
 Sì è colpa mia

 In attesa del video ascolta Ragione e Sentimento di Maria Nazionale


 
Video ‘È colpa mia’

Testo ‘La felicità’ di Simona Molinari e Peter Cincotti | Sanremo 2013

Testo, La felicità,  Simona Molinari, Peter Cincotti, Sanremo 2013Più veloce, quasi ballabile, è invece ‘La felicità’, canzone apparentemente allegra che in verità parla di una storia d’amore finita e di una felicità perduta; il sound avvicina il folk alla dance.

Testo ‘La felicità’ di Simona Molinari e Peter Cincotti

But I need you back
 Ho fatto tanti errori che ripensandoci non farei
 Ma a questo mondo dimmelo tu chi non sbaglia mai
 Ah, tutta colpa di quest’attimo di gelosia
 io quella notte no, non dovevo andare via
 Ero convinta sarei riuscita a cambiarti un po’
ero sicura che non mi avresti detto di no
 io ti volevo in una vita che non era tua
 io dicevo ti amo, tu mi dicevi una bugia.

Ah la felicità
 but i need you back
 ah la felicità
 but i need you back
 ah la felicità
 non ricordo più che sapore ha la felicità
 oh i need you back.
 oh i need you back
 Parto in vacanza tutta l’estate senza di te
 il sole, splende, mi guarda e ride
 ride di me
 quello che non voglio
 no non lo so neanche io poi cos’è,
 di fatto sono sola qui,
 sono qui senza di te,
 Non ricordo che sapore ha la felicità
 Ah la felicità
 but i need you back
 ah la felicità
 but i need you back
 ah la felicità
 non ricordo più che sapore ha la felicità
 oh i need you back.
 Io la mattina mi sveglio stanca
 avvolta da una sorta di indolenza
 mi vesto, mi spoglio, mi rimetto a letto
 io senza te non sarò più la stessa
 vorrei tornare indietro, amore, aspetta!
 Lo so che ho sbagliato e ti chiedo scusa.
 Amore io per te farei di tutto.
 Ah la felicità
 oh la felicità
 ah la felicità.
 Non ricordo più che sapore ha la felicità
 perché senza te non so più cos’è la felicità
 non ricordo più che sapore ha la felicità

In attesa del video sopra il video di Simona Molinari feat Peter Cincotti – In cerca di te
 
Video ‘La felicità’

Testo ‘Se si potesse non morire’ di Modà | Sanremo 2013

Testo, Se si potesse non morire, Modà, Sanremo 2013Dopo aver vinto per mano di Emma come autore di «Non è l’inferno», Kekko Silvestre riprova a portare a casa il titolo con la sua band. ‘Se si potesse non morire’, è invece un inno alla bellezza e alla semplicità delle cose, in cui Silvestre immagina di poter vivere in un mondo in cui l’amore e i sogni sono capaci di annullare la morte.

Testo ‘Se si potesse non morire’ di Modà

Avessi il tempo per pensare
 Un pò di più alla bellezza delle cose
 Mi accorgerei di quando è giallo e caldo il sole
 Di quanto è semplice se piove e ti regali una finestra
 Solamente per guardare
 E per rendere migliore
 Tutto mentre fai l’amore
 Se avessi solo un pò più tempo per viaggiare
 Frantumerei il mio cuore in polvere di sale
 Per coprire ogni centimetro di mare

Se potessi mantenere più promesse
 E in cambio avere la certezza
 Che le rose fioriranno senza spine
 Cambierebbero le cose
 T’immagini se con un salto si potesse
 Si potesse anche volare
 Se in un abbraccio si potesse scomparire
 E se anche i baci si potessero mangiare
 Ci sarebbe un pò più amore e meno fame
 E non avremmo neanche il tempo di soffrire
 E poi t’immagini se invece
 Si potesse non morire
 E se le stelle si vedessero col sole
 Se si potesse nascere ogni mese
 Per risentire la dolcezza di una madre e un padre
 Dormire al buio senza più paure
 Mentre di fuori inizia il temporale
 Se si potesse regalare
 Un pò di fede a chi non crede più nel bene
 E gli animali ci potessero parlare
 Cominceremmo a domandarci un pò più spesso
 Se nel mondo sono loro le persone
 Se potessi camminare verso il cielo ad occhi chiusi
 Consapevole che non si smette mai di respirare
 Cambierebbero le cose
 T’immagini se con un salto si potesse
 Si potesse anche volare
 Se in un abbraccio si potesse scomparire
 E se anche i baci si potessero mangiare
 Ci sarebbe un pò più amore e meno fame
 E non avremmo neanche il tempo di soffrire
 E poi t’immagini se invece si potesse non morire
 E se le stelle si vedessero col sole
 Se si potesse nascere ogni mese
 Per risentire la dolcezza di una madre e un padre
 Dormire al buio senza più paure
 E poi t’immagini se invece si potesse non morire
 E se le stelle si vedessero col sole
 Se si potesse nascere ogni mese
 Per risentire la dolcezza di una madre e un padre
 Dormire al buoi senza più paure
 Mentre di fuori inizia il temporale
 Mentre di fuori inizia il temporale

 

In attesa video Modà – Sono già solo  
 
Video ‘Se si potesse non morire’

Testo ‘Vorrei’ dei Marta sui tubi | Sanremo 2013

Testo, vorrei, Marta sui tubi, Sanremo 2013La seconda canzone, ‘Vorrei’, è la richiesta di perdono di fronte a un amore compreso troppo tardi in cui Gulino chiede «perdono alla pastorizia per aver rovinato l’immagine di una pecora nera»..

Testo ‘Vorrei’ di Marta sui tubi

Quando il cuore è convinto non sbagli mai
 Prova a chiedere al vento quello che vuoi
 C’è chi ha detto che hai fatto dei bei casini
 E distratta distruggi ogni cosa sai
 E io vorrei, vorrei ancora più bellezza
 E io sarei, con te sarei pronto a fare tutto un’altra volta
 E tuffarmi nella tua purezza

Perché ormai non posso più, più stare senza
 Quando tornerà, quando tornerà l’essenza
 La raccoglierai tu
 Chiedo perdono a i punti cardinali dello stare
 Al mondo per non averli riconosciuti
 Chiedo perdono a ognuna delle lacrime che non ho bevuto
 E io vorrei, e io vorrei
 Vorrei prenderti le mani e berci dentro
 E tuffarmi nella tua purezza
 Solo se lo vuoi tu
 Chiedo perdono alla pastorizia perché con la mia condotta ho umiliato la reputazione
 Della pecora nera
 Chiedo perdono alle stalle che meritano sempre di ospitarmi ma che evito di frequentare troppo stesso
 Dormi qui, com’è facile restare sveglio
 Dormi qui, ho perduto troppo tempo ma ora
 Dormi qui, sono piccolo per abbracciare il cielo
 Dormi qui, troppo grande per volarci dentro
 E io vorrei, vorrei prenderti le mani e berci dentro
 E tuffarmi nella tua purezza
 Perché ormai non posso più, più stare senza
 Solo se lo vuoi tu 

In attesa del video ascolta Marta sui Tubi – Cristiana 
 
Video ‘Vorrei’

Testo ‘L’essenziale’ di Marco Mengoni | Sanremo 2013

Testo, L’essenziale, Marco Mengoni, Sanremo 2013Anche il secondo ex concorrente di ‘X Factor’, già sul podio di Sanremo tre anni fa, viene accompagnato da autori con la A maiuscola. Più tradizionale la ballata ‘L’essenziale’, scritta tra gli altri da Roberto Casalino: una canzone d’amore da manuale.

Testo ‘L’essenziale’ di Marco Mengoni

Sostengono gli eroi
“se il gioco si fa duro,
 è da giocare!”
Beati loro poi
 se scambiano le offese con il bene.
 Succede anche a noi
 di far la guerra e ambire poi alla
 pace
 e nel silenzio mio
 annullo ogni tuo singolo dolore.
 Per apprezzare quello che
 non ho saputo scegliere.

Mentre il mondo cade a pezzi
 io compongo nuovi spazi
 e desideri che
 appartengono anche a te
 che da sempre sei per me
l’essenziale.

Non accetteró
 un altro errore di valutazione,
 l’amore è in grado di
 celarsi dietro amabili parole
 che ho pronunciato prima che
 fossero vuote e stupide.

Mentre il mondo cade a pezzi
 io compongo nuovi spazi
 e desideri che
 appartengono anche a te.
 Mentre il mondo cade a pezzi
 mi allontano dagli eccessi
 e dalle cattive abitudini,
 torneró all’origine,
 torno a te che sei per me
 l’essenziale

L’amore non segue le logiche
 Ti toglie il respiro e la sete.

Mentre il mondo cade a pezzi
 io compongo nuovi spazi
 e desideri che
 appartengono anche a te.
 Mentre il mondo cade a pezzi
 mi allontano dagli eccessi
 e dalle cattive abitudini,
 torneró all’origine,
 torno a te che sei per me
 l’essenziale

In attesa del video ascolta  In Un Giorno Qualunque  di Marco Mengoni
 
Video ‘L’essenziale

Testo ‘Senza ritegno’ di Raphael Gualazzi | Sanremo 2013

Testo, Senza ritegno, Raphael Gualazzi, Sanremo 2013‘Senza ritegno’ è un brano più veloce dal ritmo jazz quasi latino con un uso distintivo della tromba nel finale: decisamente più sperimentale ma irresistibile.

Testo ‘Senza ritegno’ di Raphael Gualazzi

Ti guardo e non puoi tentarmi
 dipinta di un’immagine che non apprezzerò
 se parli non puoi ascoltarmi
 la magra educazione che diffondi fuggirò
le mani non puoi scottarti
 la fiamma si fa labile nell’insensibile
 mi guardi e non vuoi pensarci
 ma sei solo un disegno se non puoi
 decidere

e vorrai
 e vorrai
 e vorrai
 vorrai…

E vorrai ridere chiedendo delucidazioni
 ma fuori , a piede libero, ne abbiamo
 milioni
 ti sparo nelle gambe e divento cristiano
 dopotutto non è male se mi sento più’
umano

Ricordati le favole che hai già vissuto
 la pace vulnerabile di ogni minuto
 che vivere e ridere, non è abbastanza
 mentre imbianco l’uomo nero, tu prendi
 coscienza!

Ed ora
 ora sai
 hai visto coi tuoi occhi
 e pianto con i miei
 non c’è vergogna se non quella di una
 cieca
 acquiescenza per viltà, per viltà
 ma lascia che sia più tardi
 l’inutile lamento che non costruisce
 mai
 portami nei miei sbagli
 che mai ne avrò bisogno
 come in questo vivere

Qui non si tratta di una libera denigrazione
 ma di rendersi partecipi di ogni ragione
 per vivere, ridere, decidere e sognare
 e mi ricordo quella volta che volevo
 volare
 e non aspetto le tue regole neanche
 un
 minuto
 propongo i sogni liberi di chi ti ha
 creduto
 leggere e scrivere non è abbastanza
 mentre sbianca l’uomo nero tu prendi
 coscienza
 na-na-na-na-na…

 In attesa del video ascolata Follia d’Amoare


 
Video ‘Senza ritegno’

Testo ‘I tuoi maledettissimi impegni’ di Max Gazzé | Sanremo 2013

Testo, I tuoi maledettissimi impegni, Max Gazzé, Sanremo 2013Il tema di «I tuoi maledettissimi impegni» è chiaro fin dal titolo: l’amata ha sempre da fare e quindi lui, cantante sfaccendato, si immagina di diventare il suo fermaglio, o di rimpicciolire per entrare nella borsetta e passare più tempo con lei.

Testo ‘I tuoi maledettissimi impegni’ di Max Gazzé

Se tu lavori
 Tutto il giorno
 A che mi serve
 Vivere?
 Aspetto fuori
 Il tuo ritorno
 Pensando sempre
 E solo a te.
 Ma tu
 Coi tuoi discorsi strani:

Cantare le canzoni
 Oggi non basta più!
 E non c’è una soluzione se non quella
 Di rimpicciolirmi a dismisura
 Fino al punto di traslocare nella
 Borsa tua con gran disinvoltura…
Oppure supplicare e supplicare la tua ombra
 Di cedermi la possibilità
 Di rimanere là
 A disposizione
 Cambiando se tu cambi posizione…
O essere l’involucro
 Di ogni
 Funambolico
 Pensiero che ti viene
 Quando le giornate sono piene
 Dei tuoi maledettissimi impegni!
 Sei tu
 Che mando
 Giù
 Nel petto
 Quando
 Mi getto
 Vino
 In gola…
E più ti respiro
 E più t’ingoio
 Più voglio
 Rivederti ancora!
 Forse c’è una soluzione buona in più:
 Potrei farti da fermaglio
 Per capelli
 Se per sbaglio
 Ti venisse voglia di tenerli
 Su…
Oppure travestirmi da molecola di vento
 E accarezzarti impunemente
 Il viso mentre
 Non hai tempo…
Non hai tempo!
 E non c’è una soluzione
 Se non essere l’involucro
 Di ogni
 Funambolico
 Pensiero che ti viene
 Quando le giornate sono piene
 Dei tuoi maledettissimi impegni!

in attesa del video ascolta Il solito sesso – Max Gazzé 
 
Video ‘I tuoi maledettissimi impegni’

Testo ‘Il futuro che sarà’ di Chiara | Sanremo 2013

Cantanti Sanremo 2013_003.pngÈ una sorta di tango, invece, il suo secondo pezzo, «Il futuro che sarà», scritto da Francesco Bianconi dei Baustelle, porta la sua impronta ricercata: un invito a sognare, in faccia a una vita che spesso è «una comoda anestesia».

Testo ‘Il futuro che sarà’ di Chiara

Credo negli angeli ma frequento l’inferno
 Colgo occasione così senza necessità
 Sono la venere che risorge nel niente
 Non conosco più la mia vera identità
 Portami a bere oltre le stelle
 Spiegami il senso dimmi la verità,profeta

 Fammi fumare venti d’immenso
 Dimmi il futuro che sarà
 Leggo gli oroscopi ma aspiro all’eterno
 Fuochi in estate per noi, nuove ritualità
 Suona un’armonia ma nessuno la sente
 E già piove sull’età della vanità
 Portami a bere oltre le stelle
 Spiegami il senso dimmi la verità,profeta
Fammi fumare venti d’immenso
 Dimmi il futurò che sarà
 Che sarà, che sarà
 Portami a bere oltre le stelle
 Spiegami il senso dimmi la verità, profeta
 Fammi fumare venti d’immenso
 Dimmi il futuro che sarà
 Che sarà, che sarà
 Profeta, illudi l’uomo l’ultima volta
 Dimmi che qualcosa cambierà

In attesa del visdeo ascolta  Due respiri di Chiara Galiazzo 
 
Video ‘Il futuro che sarà’

Testo ‘E se poi’ di Malika Ayane | Sanremo 2013

Cantanti Sanremo 2013_006.pngIl suo ritorno a Sanremo è guidato dalla mano esperta di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, autore di entrambi i brani. Che sono due variazioni sul tema della perdita e dell’assenza: «E se poi» è un pezzo più ritmato, mentre «Niente» parte con dolcezza, con un semplice arpeggio di chitarra e la voce di Malika

Testo ‘E se poi’ di Malika Ayane

E se poi
 capissi che
 tutto è uguale a prima
 e come prima
 mi sentissi inutile

Io non ho mai
 pensato se
 anche l’abitudine
 è un bel posto
 per ritrovare me

Ma senza di noi
 ho ancora
 quella strana voglia di
 sentirmi sola
 senza di noi
 ma non da ora
 se non altro per vederti
 andar via ancora

Ese mai
 cercassi te
 sarebbe per paura
 e la paura è sempre quella
 a vincere
 
Etu non puoi
 far finta che
 niente sia cambiato
 dopo il cuore che ho strappato
 via da te

Ma senza di noi
 ho ancora
 quella strana voglia di
 sentirmi sola
 senza di noi
 ma non da ora
 se non altro per vederti
 andar via ancora

Senza di noi
 ho ancora
 quella smania di fuggire via da sola
 ma senza di noi
 chi vola?
 sono solo ali e piume
 e nient’altro ancora

Certo
 che non ha prezzo il tempo
 passato insieme a spasso
 tra questo mondo e un altro
 per trovare l’universo
 adatto al nostro spazio
 ogni giorno più stretto
 per contenere i sogni
 tutti dentro ad un cassetto
 ed ecco perché scappo
 ora ricordo e scappo
 ho solo tanta voglia
 di sentirmi viva adesso

Ma senza di noi
 ho ancora
 quella strana voglia di
 sentirmi sola
 senza di noi
 non ora
 se non altro per vedermi
 andar via ancora

Certo
 che non ha prezzo il tempo
 passato insieme a spasso
 tra questo mondo e un altro
 per trovare l’universo
 adatto al nostro spazio
 ogni giorno più stretto
 per contenere i sogni
 tutti dentro ad un cassetto
 ed ecco perché scappo
 ora ricordo e scappo
 certo
 che non ha prezzo il tempo
 tu restami un pò addosso

In attesa del video ascolata Il Tempo Non Inganna di Malika Ayane
 
Video ‘E se poi’